sabato 16 gennaio 2016

Tecnologia ad onde elettromagnetiche

Senza fronzoli. Ma queste onde elettromagnetiche fanno male oppure no?



La IARC (International Agency for Research on Cancer) , nel 2011 ha indicato i campi elettromagnetici a radiofrequenza, tipici dei telefoni cellulari come possibili cause di alcuni tipi di cancro. La conseguenza è stata l’inserimento delle radiofrequenze nella classe 2B, che include gli agenti con possibili effetti carcinogeni.
Ragazzi il cellulare fa male, ma non solo. Anche le antenne che fungono da ripetitori. Le persone che vivono ad una certa distanza da questi ripetitori sono più portate a sviluppare un cancro. Il problema è che, se possiamo evitare di vivere vicino ai ripetitori, non possiamo sfuggire alle onde elettromagnetiche in cui siamo immersi costantemente

Per farci un’idea dovremmo immaginare di avere sopra le nostre teste una sorta di cupola. Se i nostri occhi sarebbero in grado di vederle ci apparirebbero come miliardi di fasci di luce che ci attraversano in continuazione. Ci sono individui con un organismo più resistente di altri, ma nessuno di noi è immune a queste radiazioni.
Non possiamo avere una risposta che risolva il quesito. Si può evitare l’avanzamento della tecnologia? Ovvio che non è pensabile, anche perché l’evoluzione di una civiltà dipende molto da quest’ultima. La tecnologia è indispensabile, ma ci sono i pro e contro, e poi non possiamo pensare di tornare a vivere nelle caverne, visto che bisognerebbe vivere come minimo senza alcun elettrodomestico.
Gli effetti della radiazione elettromagnetica sugli esseri viventi dipendono principalmente da due fattori:
  • la frequenza della radiazione, ovvero il tipo.
  • la modalità di esposizione ovvero l’intensità della radiazione, la durata dell’esposizione, le parti del corpo esposte.
Per quanto riguarda la frequenza della radiazione si usa distinguere tra:
  • radiazioni ionizzanti, di frequenza sufficientemente alta da essere in grado di ionizzare gli atomi della sostanza esposta; possono quindi modificare le strutture molecolari, potendo anche produrre effetti biologici a lungo termine sui viventi interagendo con il DNA cellulare. Essendo le più energetiche sono, a grandi linee, le più pericolose.
  • radiazioni non ionizzanti; si designano come non ionizzanti quelle radiazioni elettromagnetiche non in grado di produrre ionizzazione nei materiali ad esse esposti. Un esempio di radiazioni non ionizzanti sono le onde radio. L’energia più bassa le pone, in generale, in classi di rischio più basse delle precedenti.

Le informazioni che seguiranno sono state rilasciate dalla Lega Tumori di Siena :


Cause di presenza nell'ambiente di campi magnetici sono per esempio asciugacapelli, frullatori, televisioni, trapani e treni elettrici in un rapporto che va dai 5000 volt di una linea ad alta tensione alle poche decine di volt di un elettrodomestico.
Altre sorgenti di onde elettromagnetiche si trovano nei settori delle telecomunicazioni, dalle trasmissioni radiotelevisive degli impianti radioamatoriali, negli impianti radar, sia militari che civili (antifurto), nelle antenne paraboliche per le comunicazioni satellitari. Insomma si sono andati sempre più diffondendo le sorgenti di campi elettromagnetici ad alta frequenza sia per uso personale, che per abitazioni, ospedali, scuole e uffici, come i sistemi automatizzati per il controllo degli accessi, i videoterminali, i metal-detector, gli antifurto a microonde, i dispositivi anti taccheggio, i telefoni cordless e cellulari. 
A tal proposito occorre tener presente che l’intensità nociva del campo elettromagnetico intorno ad un cellulare dipende dal modello di apparecchio nonché dalla distanza dalla testa. Perciò la Lega Tumori raccomanda l’uso del viva-voce e di fare comunicazioni brevi, magari alternando l’orecchio impegnato. Le onde elettromagnetiche di un cellulare possono interferire con dispositivi elettromedicali impiantabili (pacemaker, protesi acustiche) e con altre apparecchiature elettroniche sensibili (radio, TV, strumentazione degli aerei, di auto).
L’utilizzo industriale dei campi elettromagnetici riguarda essenzialmente il modo di provocare il riscaldamento dei materiali come metalli, colle, plastiche, legno ecc.
Nel campo medico, le principali applicazioni delle onde elettromagnetiche sono, oltre la risonanza magnetica, anche la diatermia, le tecniche di ipertermia in campo oncologico e gli elettrobisturi. I soggetti più esposti risultano i pazienti ed i lavoratori delle industrie produttrici di tali apparecchi.
Come precauzione viene consigliato di non trascorrere troppo tempo ad una distanza di un metro da elettrodomestici fissi come il frigo e lo scaldabagno, ridurre l’esposizione ai campi generati dalle linee elettriche aumentando l’altezza dei sostegni e impiegando cavi schermati o interrati, assicurarsi della corretta chiusura dello sportello del forno a microonde e del buon funzionamento dell’interruttore di sicurezza, che disattiva il generatore di microonde quando si spegne.
Tutti noi facciamo parte di quelle generazioni che stanno ancora sperimentando. Probabilmente fra non molto troveranno altri sistemi che si riveleranno più sicuri  per la salute umana. Non è bello da dire ma “oggi giorno noi siamo delle cavie”.
Quindi possiamo prendere piccole precauzioni, ma la verità è che i nostri corpi vengono attraversati tutto il giorno da queste onde killer. Con questo non voglio dire di fregarsene o di fare l'eremita sul monte. Piuttosto siate intelligenti e sappiate che più si sta lontani dal Wi-Fi e cellulari, meglio è.
Esistono anche determinate piante che "mangiano l'inquinamento". Ad esempio la Tillandsia (foto) o il Cactus Peruvianus assorbono le onde elettromagnetiche presenti in casa. (leggi: piante-indoor-purificatrici-cura-laria.html )

Ad ogni modo, gli organi più sensibili secondo gli esperti sono i testicoli e gli occhi. Poi ci si domanda perché l’uomo è sempre più sterile, beh, questa è una delle varie possibili cause.
Ma soprattutto, se vuoi bene a tuo figlio, evita di regalargli un cellulare e/o tablet che sia.

Grazie, a presto!


giovedì 7 gennaio 2016

Acqua. Bene prezioso. Ma quanto ci costa in ambito economico? Quanto in salute?

Da quando ero piccolo, a casa mia si è sempre usato il purificatore dell'acqua potabile. Un semplice artefatto che con diversi filtri, "purifica" l'acqua del rubinetto e la rende "bevibile". Gran vantaggio logistico, visto che non abbiamo mai avuto il bisogno di trasportare bottiglie dal supermercato a casa. Ma anche un risparmio economico di gran rilievo,considerando che oggi giorno l'acqua in bottiglia sta raggiungendo dei prezzi folli. 

Nonostante questo, siamo tra i più grandi consumatori al mondo di acqua in bottiglia, e in vent'anni abbiamo triplicato il quantitativo consumato: ogni italiano beve annualmente poco meno di 200 litri di acqua in bottiglia, ben otto volte la media mondiale e il doppio che nel resto d’Europa! Con alcune, grandi differenze: il 70% dei sardi beve acqua minerale, mentre il 91% dei trentini beve l’acqua potabile che “sgorga” dal rubinetto. 
Il raffronto dei prezzi tra acqua minerale e potabile è stupefacente: mediamente un litro di acqua minerale costa 0,40 Euro al litro contro 0,001 Euro al litro dell’acqua potabile del rubinetto. Tra le acque minerali commercializzate, le differenze di prezzo hanno dello sbalorditivo: tra la S. Pellegrino e la Monteverde, la differenza di prezzo è di +400% circa, determinata esclusivamente dal costo della promozione pubblicitaria. Per convincere i consumatori a comprare l’acqua in bottiglia, a scapito di quella quasi gratis del rubinetto, nel 2014 gli imbottigliatori hanno acquistato spazi pubblicitari per oltre 400 milioni di Euro.
L'acqua è un bene che appartiene a tutti i cittadini, poiché le acque sotterranee fanno parte del demanio pubblico. Le aziende private che sfruttano le falde acquifere potabili, infatti, pagano alla collettività un irrisorio “canone di coltivazione”, a fronte della concessione, spesso permanente, di un bene pubblico. In pratica, gli amministratori che dovrebbero gestire, e non svendere il patrimonio collettivo, lo hanno invece “regalato” alla speculazione delle multinazionali.
Con investimenti pubblicitari che non hanno uguali per nessun’altra bevanda, è facile capire come i gruppi che controllano i tre quarti della produzione totale italiana – San Pellegrino/Nestlé, San Benedetto Italaquae/Danone, Uliveto/Rocchetta, Spumador, Norda e San Gemini – costituiscano una lobby (Mineracqua, la Confindustria delle acque), in grado di pilotare le campagne pubblicitarie e “convincere” a tutelare più il business che la salute.
La truffa, però, è ben altra, e sconvolgente: oggi, spesso, nelle bottiglie di plastica in vendita sugli scaffali dei supermercati, o sui tavoli di pizzerie e ristoranti, si trova “acqua micro-filtrata”, pagata a prezzo dell’acqua minerale, ma altro non è che acqua del rubinetto, la stessa che esce da quelli delle nostre case, messa in bottiglia e ricostituita con l’aggiunta di anidride carbonica e sali minerali. 
Dal punto di vista sanitario, potrebbe quasi essere un vantaggio: la legislazione italiana ha parametri molto restrittivi (circa 200) per l’acqua di rubinetto, rispetto all'acqua “minerale” in bottiglia (solo 48). Un esempio su tutti: la concentrazione massima di arsenico nella minerale fino a poco tempo fa poteva ancora essere di 50 microgrammi/litro (tre anni fa arrivava a 200, quando l'OMS dal 1993 ne ha fissato il limite a 10), mentre dal rubinetto per legge non può uscire acqua con più di 10 mg/l di arsenico. Dunque l’acqua di casa è più sicura!! Ma nulla si investe per migliorare e promuovere l’acqua degli acquedotti, comunque più controllata in generale e spesso qualitativamente migliore delle acque in bottiglia. In questi anni le grandi Aziende Municipalizzate, ormai tutte quotate in Borsa, sono viste solo come strumento per fare cassa, e non c’è alcun progetto per rinnovare il servizio pubblico dell’acqua. Bisognerebbe invece uscire dal mercato delle acque minerali, valorizzando il servizio idrico pubblico, tutelando fiumi e sorgenti, risparmiando acqua per gli usi non potabili.
A prescindere dalle “sanatorie” e dalla manipolazione dei parametri per la salute, la preoccupazione per la qualità delle acque minerali resta: l’avvelenamento cronico, dovuto ad esposizione a lungo termine di arsenico attraverso le acque, secondo l'OMS, causa cancro alla pelle, ai polmoni, alla vescica ed ai reni; mentre il manganese oltre la misura consentita, potrebbe incrementare la suscettibilità a infezioni polmonari.


Capisco benissimo che anche nei purificatori il business c'è, ma è sempre meglio il male minore. Io ho il purificatore da ormai 20 anni, sempre lui! cambio il filtro ogni 5 mesi (un pacco di 4 filtri costa circa 20 euro). A te i conti..

In ultima analisi: tutte le acque hanno effetti diuretici. l'effetto "plin-plin" è dato dalla quantità, e non dalla qualità dell'acqua bevuta. 

Grazie, a presto!

fonte: trekking.it

martedì 5 gennaio 2016

Guerra, Petrolio ed Energia rinnovabile

Recentemente mi è stato contestato il mio essere vegetariano mettendo in luce il fatto che l'acqua impiegata negli allevamenti per un chilo di carne è la stessa che una nave inquina importando la Quinoa dalla Bolivia.
In un mio vecchio post parlo già sugli effetti devastanti che gli allevamenti hanno sul nostro pianeta e di quanto fa male mangiare la carne (alimentazione-malattia-mente-sana), quindi oggi vorrei fare due riflessioni sull'altro aspetto della disputa. Quella nave che parte dalla Bolivia piena di Quinoa con tanto di petrolio per arrivare fin da noi.

Che il mondo funzioni in maniera univoca verso il dio denaro ormai non è notizia, ma lo sono tutte le guerre in giro per il mondo che a mio parere vengono messe in atto per un più ampio disegno di manipolazione.
In prima analisi i conflitti sembrano regionali e indipendenti l’uno dall'altro, ma come ha osservato lo studioso di geopolitica Michael Klare, si tratta semplicemente di «guerre del XXI secolo per l’energia»
Dal momento che i governi di Iraq, Nigeria, Russia, Sud Sudan e Siria derivano la gran parte dei loro ricavi dalle vendite di petrolio, possiamo affermare che le zone di produzione di gas e petrolio rappresentino una ripartizione di ricavi cruciali. Il controllo delle risorse fossili si traduce così in peso geopolitico per alcuni paesi e in vulnerabilità economica per altri.

Un conflitto di così ampia portata, che riguarda nientemeno che la transizione da un sistema fossile e nucleare, fondato su concentrazione di capitale, finanza e infrastrutture proprietarie, a un sistema di fonti naturali non proprietarie, diffuse e territorialmente governabili, non sfugge certo agli interessi dei Governi e delle Corporation che tengono le redini dell’economia e del commercio nel sistema finanziario globale.
Secondo Klare, la guerra per l’energia continuerà in tutto il mondo, infatti mentre le divisioni etniche e religiose possono fornire il carburante politico e ideologico di queste battaglie, decisivo è il movente economico. In un mondo ancora legato a doppio filo ai combustibili fossili, il controllo delle riserve di petrolio e gas è una componente essenziale del potere. Auspicare concretamente la fine della guerra per l’energia perciò, significa ottenere un contributo concreto verso la pace e la condivisione tra i popoli. Forse si potrà scongiurare questo conflitto solo il giorno in cui, finalmente, il mondo passerà davvero alle energie rinnovabili. Energie democratiche, strettamente legate al territorio ed in grado sul lungo termine di assicurare una autonomia energetica, mettendo gradualmente fine alla dipendenza dal petrolio.


Le tecnologie rinnovabili come sole, vento e biomasse, pur limitate da una relativa discontinuità, sono sfruttabili direttamente in pressoché ogni angolo del mondo e, nonostante il calo del prezzo del petrolio, è in atto un boom delle energie rinnovabili.
La diversità del modello rinnovabile che potremmo definire in una sola parola “democratico”, pone al centro il rispetto per l’ambiente con ricadute occupazionali sul territorio favorendo e stimolando la crescita di una coscienza diffusa che desidera cooperazione politica, riorganizzazione sociale e convergenza di “stili di vita verdi”.
Il nostro caro pianeta è uno solo, ed è giunto il momento di lasciare indietro la vecchia convinzione di piccole nazioni suddivise da linee geopolitiche immaginarie.






    Grazie. A presto!

mercoledì 20 maggio 2015

Riforma della scuola. Si pensa sempre e solo al denaro.

Con la nuova riforma della scuola si son introdotte parecchie nuove misure tra le quali spariranno i supplenti, ci sarà un "super preside", nuove assunzioni docenti, alternanza scuola lavoro, inglese dalle primarie, ecc...Ma sempre e solo al denaro si pensa.
Sinceramente ho sentito tanti discorsi sulla riforma scolastica. Ma mai si è parlato dell'importanza che la scuola stessa ha sui bambini, il futuro di una società.

In tempi di rapidi mutamenti di stili di vita, esigenze lavorative, situazioni sociali, occorre una pedagogia che non rincorra situazioni momentanee, ma, partendo da una conoscenza sempre più approfondita dell'essere umano in evoluzione, offra un'educazione ed un apprendimento via via conformi alle fasi evolutive della crescita del bambino. La pedagogia deve rivolgersi al bambino nella sua interezza, ed educare nello stesso tempo la sua volontà, la sua vita emotiva ed il suo pensiero, per sviluppare infine in lui il formarsi di rappresentazioni chiare e giudizi indipendenti, lo sviluppo di una interiorità capace di far confluire armonicamente gli impulsi individuali nell'organismo sociale, e il risveglio di tutte le proprie potenzialità creative, il tutto in una cornice non competitiva ed individualistica.

Il piano di studi deve accompagnare queste fasi di sviluppo, introducendo le materie in corrispondenza delle tappe di crescita degli allievi. Inoltre deve tener conto delle variabili che concorrono a realizzare l'evento pedagogico, e così le caratteristiche biografiche dei diversi alunni e delle classi, l'individualità dei singoli insegnanti, il particolare momento storico, il terreno socio-culturale in cui la scuola opera.
Quando il bambino entra nelle vita sociale della scuola, si verifica in lui un grande mutamento inferiore: non è più tutt'uno con il mondo esterno, inizia un percorso di individualizzazione e le forze che nel periodo precedente erano state quasi esclusivamente impiegate per il suo sviluppo corporeo, si rendono gradatamente disponibili anche per le attività intellettuali dell'imparare e del ricordare.

Il bambino di questa età non è ancora in grado di sviluppare processi di pensiero logico, ma questo viene condotto attraverso una configurazione artistica dell'insegnamento, ricco dì immagini linguistiche (vivo racconto), di momenti artistici (pittura, scultura, musica, recitazione, euritmia), e dì attività manuali (lavoro a maglia, cucito, falegnameria, giardinaggio) per imparare e fare, sviluppando forze di volontà. Tutto ciò costituisce una formidabile premessa ad una delle qualità più necessarie all'uomo di domani: imparare a vivere insieme agli altri.

Allo scolaro tra i sette e i quattordici anni il mondo delle conoscenze viene avvicinato prevalentemente attraverso i veicoli del sentimento e della volontà. In questo tempo il bambino cerca una guida e l'insegnante opera al fine di essere riconosciuto come una naturale autorità, divenendo per lui il mediatore del mondo.

Gli stati d'animo ed i pensieri che l'insegnante manifesta al bambino, agiscono ancora fortemente in lui. I maestri, in un certo senso, prima ancora di sapere, devono essere: ciò costituisce una grande responsabilità che può essere sostenuta con entusiasmo solo se si risveglia nell'educatore il sentimento di vocazione in un lavoro tanto impegnativo quanto necessario.

Tutto ciò che noi possiamo realizzare artisticamente diventa qualcosa di eccelso, soltanto se possiamo farlo scorrere nella massima delle arti, quella nella quale non ci viene dato della materia morta, come argilla o calore, ma nella quale ci viene dato il bambino vivente non ancora compiuto, il bambino che noi, fino ad un certo grado, dobbiamo portare artisticamente e pedagogicamente ad uomo compiuto.

Sono questi gli argomenti che mi piacerebbe sentire in una riforma scolastica, perché ne dovrebbe tenere conto "in primis". Non mi importa niente se risparmieremo 4 miliardi se a farlo ne risente il futuro del nostro paese. perché, ripeto, i bambini sono il nostro futuro.




Grazie, a presto!


mercoledì 1 aprile 2015

La malattia della felicità. La TV

È un dato di fatto. Troppe immagini uccidono l’immagine.
Ecco quale potrebbe essere la malattia della felicità: non più vedere ma controllare che tutto proceda bene, come previsto. Così come il “tutto è arte” allude a un mondo in cui l’arte non è più granché, il tutto in vista segna il declino e il trionfo dello sguardo.
Si può dimostrare che la TV favorisce e non favorisce la democrazia, la verità, la pace fra i popoli e la libertà dell’uomo.

L’organo della democrazia

La Tv favorisce la democrazia. Come tutti sanno, la Tv è l’oggetto che gli intellettuali amano odiare, e che i politici sono costretti ad amare.
La Tv è democrazia, perché tutti la guardano e tutti ne parlano. Eguaglianza di accesso indispensabile all'esercizio della democrazia. La Tv rappresenta un rimedio alla distruzione del legame sociale.
Che senza Tv, l’elettore medio, che non  legge più, non saprebbe nulla dei programmi e dei partiti in competizione. Si tratta dunque dello strumento più democratico delle società democratiche e di un formidabile mezzo di comunicazione fra le persone.
Ma: non è certo difficile mostrare come la Tv spoliticizzi la politica, demotivi l’elettore, deresponsabilizzi il responsabile e assecondi pericolosamente la personalizzazione del potere. La cosa pubblica diviene una verità, l’ambiente politico una colonia dello show-business.
La Tv a forza di offuscare ogni differenza fra gli attori della scena audiovisiva; diviene  allora fattore di indifferenza.
L’ineguaglianza risiede anche nella capacità di farsi vedere, personalmente. In tutti i luoghi pubblici la precedenza del volto già visto da qualche parte su quello mai visto, da nessuna parte, è norma.
La democrazia non è la legge della maggioranza ma il rispetto delle minoranze. L’imperialismo dell’immagine nella tv non si direbbe faccia proprio quello.
Una democrazia esige cittadini attivi. La Tv, unita al sondaggio permanente, spinge a disertare lo spazio pubblico, come in una sorta di arresti domiciliari. Riduce il legame sociale a una relazione senza scambio. Ognuno a casa sua. Spoliticizzare significa in primo luogo immobilizzare.
Far finta: questo sarebbe il ruolo provvidenziale impartito nella nuova democrazia. Il teatro politico non è certo cosa nuova (il parlamento da noi è un anfiteatro). Ma la novità è in questo: in mancanza di intrighi e di poste in gioco, la teatralizzazione dell’azione diviene l’azione stessa (Renzi? )

L’apertura al mondo
            
La Tv apre al mondo. La Tv fa sparire il mondo. Si può a giusto titolo elogiare il tasso senza precedenti di apertura agli altri, la fine della frontiera, l’avvento del cittadino universale e dell’era postnazionale.
Tutto ciò che delocalizza civilizza, e la Tv favorisce una presa di coscienza planetaria e la causa umanitaria.
Tutto ciò non è falso, e nemmeno vero. A domicilio, non si viaggia su un qualche atlante. A selezionare i luoghi di destinazione non siamo noi ma l’attualità. Le immagini dei paesi lontani appaiono dunque per qualche minuto sui nostri schermi solo in caso di tragedie, di guerre, catastrofi. L’attualità costruisce la storia che costruisce la geografia. L’inverso, quindi, delle determinazioni reali. La comunicazione è libera, ma non l’accesso al mercato dell’informazione.
La Tv ha aperto i cuori e gli spiriti a sofferenze e oppressioni un tempo invisibili. Essa ha creato una sorta di opinione mondiale: è diventato più difficile massacrare impunemente. Tuttavia, ogni immagine diffusa è un rapporto sociale metamorfizzato in emozione individuale, piacevole o dolorosa.

La conservazione del tempo

La Tv è una formidabile memoria. La Tv è un funesto colabrodo. La Tv, dal punto di vista tecnico, è il migliore fra i congegni per rendere perenne la vita.
L’effetto patrimonio ha offuscato la differenza fra il vecchio mondo della conoscenza e quello nuovo della comunicazione archiviabile e stoccabile come l’altro.
Eccoci dunque tecnologicamente affrancati dall'irreversibilità del tempo che scorre. Ormai, ieri può essere oggi, o domani.
Tutto ciò è vero, ma anche il suo contrario. La fuga senza ritorno delle immagini che avviene giorno dopo giorno è infatti un canale di ricambio per le memorie e una dissuasione per l’intelligenza. Non è possibile, senza preliminare registrazione, bloccare o far tornare indietro un’ondata di immagini così come si può fare con un fascio di pagine.
È proprio la soppressione continua delle distanze, dei termini e dei ritardi che costituisce l’originalità della Tv sui mezzi di informazione scritta, in particolare in tempi di crisi.
La comunicazione rassicura, l’informazione disturba. Entrambe ci sono necessarie, e il giornalismo ha l’impegnativo compito di trovare la giusta distanza fra queste due polarità antagoniste.
A forza di voler esercitare il diritto di prelazione sull’evento, la cultura dello scoop, il ritmo tipico del nostro audiovisivo trasforma la sovrainformazione in disinformazione.
Disincantarsi dalle immagini trasmesse alla velocità della luce. 

L’effetto di realtà

La Tv è un operatore di verità, la Tv è una fabbrica di inganni. La prova davanti all’immagine annulla i discorsi e i poteri.
Ma l’effetto di realtà, ottimale sullo schermo video, è minato. Perché è senza causa. Davanti a queste immagini in diretta e in tempo reale, passo spontaneamente dall'altra parte dello schermo, nel reale. Qui sta la mistificazione: Perché c’è tutto un gioco di esibizione e di selezione dietro l’immagine presa in considerazione fra mille altre possibili e mostrata al loro posto, un gioco complicato di fantasie, di interessi e talvolta di rischi. Ma nessuno sguardo è obbiettivo, perché persino le telecamere automatiche sono piazzate da una volontà umana.
La nuova mentalità collettiva non è così empirica e priva di pregiudizi come vuole far credere. Essa ha sostituito il dogmatismo della Verità con il dispotismo dell’espressività. La verità non è più ottenuta, né elaborata, è qualcosa che c’è già , qualcosa di selvaggio e di impulsivo che l’espressione farà semplicemente passare dall'interno all'esterno. La verità nella tv è originale, non finale.
Sorridere è una tecnica, un obbligo di apparenza che non impegna a nulla. La spontaneità mediatica, come il genio è una lunga pazienza: una questione di disciplina e di apprendimento.
L’autoreferenzialità mediatica, come sappiamo, fa si che una frottola ripresa e diffusa diventi una quasi-verità.
Verrà il giorno in cui la messa in immagini del mondo farà del mondo un’immagine; della storia un telefilm; e di un combattimento incerto come tutti un western come un altro. “banalizzando lo straordinario e sublimando il banale”.




Grazie, a presto!







mercoledì 25 marzo 2015

La Bellezza nel mondo e l'importanza dell'arte. Estetica e Azione.

Se si guarda il mondo con gli occhi di un bambino, senza tanti fronzoli per la testa insomma, ci meravigliamo di ciò che ci circonda. ma questo "meravigliarsi" cos'è? cosa scaturisce in noi la bellezza? cosa comporta l'azione "bella"?..



L’azione bella e la lotta

Accade in noi un processo attraverso il quale lo "spirito" è costretto ad uscire dalla propria quiete e si trova esposto al dolore, all'infelicità, al conflitto. Quando opposte esigenze di natura ideale ed universale stanno in lotta l’una con l’altra all'interno di uno stesso soggetto, nasce il Pathos, che costituisce la molla stessa dell’azione bellaL’arte si trova nella spiacevole condizione di sollecitare il giudizio positivo e l’ammirazione proprio di coloro che combatte. (Questa problematica costituisce il tema centrale di Lev Tolstoj, il quale assegna all'arte una funzione sociale, morale e religiosa). 
L’azione bella è per lo più un’azione immorale insomma. La cultura è contaminata dalla corruzione della società, dalla divisione sociale tra ricchi e poveri. Ne consegue l’egemonia di un’arte falsa e pervertita, interamente votata alla ricerca del piacere.
Eppure una risposta chiara e convincete a questo problema era nota fin dall'antichità. Essa consiste nel distinguere tre forme diverse di vita attiva: il lavoro, la produzione di opere e l’azione vera e propria. È evidente che l’esperienza artistica appartiene al secondo tipo, l’artista è un Homo Faber. Non esiste una differenza sostanziale tra un'esperienza comune e un'esperienza di bellezza: ogni esperienza può diventare estetica se proseguita e portata a compimento. Ciò che caratterizza l’esperienza estetica è dunque il compimento; l’azione diviene bella nella misura in cui mi impegno in essa, mi dedico ad essa, combatto per la sua manifestazione.
Ogni azione è in realtà iterazione col mondo esterno. L’esperienza è veramente completa quando si materializza in un’opera d’arte, perché così l’esperienza diventa trasmissibile comunicabile e socialmente rilevante.

L’azione estetica come tensione utopica

L’arte, da un lato aspira a alla compiutezza quindi, ma dall'altro contiene in se stessa una specie di frammentarietà che le impedisce di chiudersi in una totalità compiuta. L’arte è "immanenza" perché essa stessa si dà come qualcosa di esistente qui ed ora ma anche perché l’orizzonte utopico che essa apre è immanente, è quello della rivoluzione sociale e non quello di Dio.
(La vera figura maestra dell’irrequietezza utopica è Faust di Goethe. In lui l’azione utopica si configura come un tendere che non si accontenta di nessun risultato raggiunto, ma si appropria dell’esperienza acquisita per farne la base di un ulteriore passo in avanti. Ogni godimento viene cancellato da una nuova brama).
La musica è la più utopica e sociale delle arti. C’è qualcosa di incompiuto tutto teso verso l’oltrepassamento.

L’azione comunicativa

Problemi visti e discussi in passato come estetici vengono ora presentati come questioni relative alla comunicazione. Il vero cambiamento è stato quando la ragione nel procedere dell'arte si pone come momento di un istanza universale, individuabile nella comunità illimitata della comunicazioni. Il legame sociale si regge su un sentimento di empatia di identificazione con le emozioni altrui. La società delle comunicazioni si delinea come una società del sentire assai più che dell’agire, e così ne risente anche l'arte, ridotta a dover manifestare i sentimenti, ad esempio la felicità, in un selfie.

L’abbandono e l’ascolto

Perciò l’arte deve essere distinta sia dalla filosofia, che si articola in concetti e sia dalla scienza che si sviluppa attraverso funzioni. Mentre Le opere d’arte svolgono un ruolo fondamentale nella stabilizzazione e nel mantenimento delle sensazioni emotive. Tuttavia i tre diversi piani dell’arte, della filosofia e della scienza trovano un loro congiungimento nel cervello. Anche loro dunque abbozzano la svolta dal terreno psichico.
Quindi quando guarderete un tramonto la prossima volta, ascoltate il vostro cuore e la vostra mente, e sentitevi un po artisti,  ma anche scienziati e un po filosofi.




Grazie, a presto!




martedì 24 marzo 2015

Nel nome del Padre comune.

In questo periodo di terrorismo, guerre religiose, sparatorie in luoghi affollati, Isis e chi più ne ha più ne metta, a me piace pensare ciò che accomuna le grandi religioni, iniziando proprio da quel che più importa per i credenti, cioè il Padre comune. Perché chi ha un fervente credo, non può annunciar guerra nel nome della pace. 

Abramo

Dio è, per le tre grandi religioni monoteiste, lo stesso. La figura biblica che unisce più di tutte è quella di Abramo, il padre spirituale, e forse anche reale, di ebrei, cristiani e musulmani. Abramo fu il grande pensatore che scoprì l’evidenzia diretta di un Dio unico. Fu il fondatore del monoteismo. Dal suo seme nacquero Ismaele, dal quale sono discesi gli arabi, o israeliti e Isacco, da cui vennero gli ebrei e i cristiani.
L’importanza del patriarca è riconosciuta anche dal Corano, dove si racconta il sacrificio compiuto da Abramo, senza specificare però il nome del figlio che il padre, messo alla prova da Dio, stava per immolare. Abramo ed Ismaele, secondo il corano, avrebbero insieme fondato la Kaaba della Mecca ( la struttura che conserva la pietra nera), a confermare lo strettissimo grado di parentela tra ebrei ( da cui si distaccarono i cristiani) e i Musulmani. 

Gesù

Un altro dato stranamente poco noto in Occidente è la popolarità di Gesù nel mondo mussulmano. Per i musulmani Gesù è un profeta molto particolare, perché ha portato (di persona) la parola di Dio a un livello analogo al Corano. Molti sapienti musulmani fanno un parallelo fra l’eucaristia dei cristiani e la recitazione dei versi del Corano. Nell'islam si ritiene che Gesù sia il maestro del soffio divino della vita. Inoltre, il Corano riconosce grande importanza a Maria di cui si sottolinea lo stato di verginità. L’islam riconosce i profeti biblici della tradizione ebraica, la figura di Gesù e molti santi cristiani.

Futuro uniti

La dimensione etica delle tre grandi religioni non deriva solo da un concetto di parentela, più importante ancora è il loro carattere universale, cioè aperto a tutti. Le tre grandi religioni non sono nate aristocratiche e hanno una certa caratteristica di rivolgersi a tutti con una certa attenzione ai problemi sociali. Quella ebraica è stata la religione di un popolo di schiavi, quella cristiana inizia come speranza per gli oppressi, quella musulmana ha pure fondato il suo successo fra gli umili. In comune hanno il senso di giustizia, il rispetto per i bisogni del prossimo, della vita, l’idea che tutti sono figli di Dio, la sacralità della famiglia. Ce n’è insomma a sufficienza per pensare che le tre religioni, invece che per cementare l’odio reciproco, possano servire per combatterlo.

Non è la religione a fomentare odio, ma politiche decennali portati ad un diffidente confronto e alla rivalità che hanno ben altri scopi terreni (ricchezze sul territorio come il petrolio) e non c'entrano nulla con la religione che ogni individuo porta con se. Perché il rispetto comune va al di là di ogni cosa, perché solo una cosa è certa: l'odio crea solo più odio, e la pace non nasce dalle guerre e queste cose, un vero fedele che ha l'amore di Dio nel cuore, le sa.


grazie, a presto!

Alimentazione come energia vitale